mercoledì 19 giugno 2013

Giorni difficili e facile ironia.

Certi pomeriggi sono particolarmente difficili.
Mia figlia va in bagno.
Passano 5 minuti.
E' chiaro che non è pipì.
Mi chiama per pulirla.
Vado.
Mi chino, sorrido e un mollettone rosa che mi aveva incastrato malamente tra i capelli cade nel gabinetto. Ovviamente pieno.
Ecco.
Lei urla.
Io prendo le pinze da fritto. <disgustoso>
Non posso abbandonarlo alla corrente.
Non posso.
Sembro un chirurgo.
Evito lo stronzo.
Aggancio il mollettone.
Mi muovo lentamente.
Ce l'ho quasi fatta.
Ricade, rimbalza sul "fattaccio".
Ogni cosa sembra perduta, sfaldata, distrutta.
Lei urla, ancora.
Mi odia.
Io,
odio tutte...le merde.

2 commenti:

  1. digli che va nel paese delle cacche, come facevo io con mia figlia :)

    RispondiElimina

Lascia un commento!